LA LEGGE SULLA DAT

Sotto l´´albero di Natale gli italiani si sono trovati come regalo l´´ennesima legge ingiusta. Il Parlamento ha
lavorato alacremente e smentendo l´´intrinseca lentezza con cui normalmente lavora, ha sfornato un nuovo diritto: il diritto di ammettere che la Nostra vita non Vale niente. Da giurista, mi sono andata a leggere gli articoli di legge e mi sono resa conto che quanto riporta anche la Nuova Bussola quotidiana e´´ vero:
Il Testo unico non indica nessuna condizione particolare né nessuna motivazione specifica, perciò tutte le circostanze e tutte le motivazioni addotte sono valide per chiedere di morire. In merito alle condizioni, non solo i pazienti terminali, ma anche quelli che possono guarire, i disabili, i sani – compresi le persone anziane – possono accedere all’eutanasia di Stato. Chiunque in qualsiasi condizione. L’eutanasia e´ incondizionata .
. Relativamente alle motivazioni, ogni ragione è buona per morire e non c’è nemmeno l’obbligo di esporla al medico, né di verificarla, né tanto meno di indicarla nella cartella clinica. Perciò si può chiedere di morire non solo perché si soffre terribilmente, ma anche perché si è depressi, infelici per una delusione amorosa o perché un affare è andato male, stanchi semplicemente di vivere perché anziani, etc. Basterà, all’atto pratico, sedare la persona e farla morire di sete e di fame.
La legge italiana sull’eutanasia diventa così la norma più permissiva che esista a livello mondiale perché almeno in Belgio, Olanda e Canada, i paesi forse più liberal su questo tema, qualche paletto lo avevano pur messo in merito all’accesso alla “dolce morte”.
il medico non può eccepire obiezione di coscienza? Quindi se il paziente chiede di morire il medico dovrà obbedire, ossia sarà costretto a compiere un assassinio. Va da sé che l’art. 579 cp che punisce l’omicidio del consenziente non potrà più essere applicato nelle corsie di ospedale. Dunque la richiesta di morte dovrà essere sempre soddisfatta dalle strutture ospedaliere, comprese quelle cattoliche.
Se si collega questa legge alla liberalizzazione dell´´aborto, praticato in ogni caso, su semplice richiesta, e´´ lampante che abbiamo conquistato il diritto di arrenderci all´´idea che noi e i Bambini che abbiamo nel ventre non valiamo niente. La Vita non ha valore. Ultima conquista del 2017 in Italia!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...