Il Papa, il peccato e l’enciclica…

Il Papa ha publicato un nuovo documento sulle famiglie. Il clamore e’ tanto. Sulla stampa nazionale ci sono titoli a non finire sulle “aperture” del Papa. Le reazioni si possono classificare in 3 grossi gruppi :* persone normali, che vanno in chiesa quando se ne ricordano, che vivono l’era Bergolio sull’entusiasmo delle “aperture” , che trovano questo Papa simpatico,e ben venga il “voiamosi bene”

* i cattolici praticanti si dividono poi in altri sottogruppi

    * quelli che rileggono i vari messaggi Vangelo alla mano ma che il Papa e’ infallibile e quindi ha sempre ragione… la fine dei loro ragionamenti finisce col tornare sempre e comunque sulla dotrina originale, a quello che dicevano San Pietro e San Paolo e a tutto quello che ne e’ conseguito. Quindi quello che scrive e dice Bergoglio e’ interpretabile come la sua volonta’ di rimanere sulla rotta tracciata da Pietro condita da un’apertura totale ma che i media travisano. I media travisano perche’ hanno l’occasione di poter travisare, le argomentazioni Papali e tutto e’ ampiamente interpretabile e distorcibile a come loro vogliono.

    * altri sono confusi. Non capiscono cosa stia scrivendo il Papa, non capiscono dove stia andando e tutti intorno sembrano felici ed entusiasti , “voiamosi bene” ancora di piu’ e poi lo dice il Papa.

    * ci sono altri che invece alzano un muro, si girano dall’altra parte, rimpiangono Ratzinger e Giovanni Paolo II. Non capiscono la direzione intrapresa. Parlano di una sovversione della chiesa stessa e di una sua imminente distruzione.

    * 

E io? Ho dovuto viaggiare molto negli ultimi giorni e ho potute sentire la radio ufficiale tedesca che annunciava, con il solito rigore e freddezza , la svolta epocale del Papa. Poi hanno intervistato un comico , ateo , che in passato aveva fatto una farsa su San Paolo peche’ , diceva lui , colpevole della famosa lettera ai Romani in cui metteva al rogo i sodomiti. Questo comico diceva quindi che il Papa e’ simpatico, molto meglio del precedente , ma non ne e’ tanto sodisfatto. Infatti secondo lui non ci sono affermazioni sulle coppie omosessuali che , sempre secondo questo comico, fanno parte della soceta’ odierna, sono un dato di fatto . Il Pontefice infatti ha fatto questa apertura ai divorziati, perche’ non anche ai gay? Secondo questo infatti ci sono tanti cattolici gay che soffrono per questa loro esclusione dalla fede. 
Io rimanevo sempre piu´ confuso mentre macinavo chilometri sulle autostrade tedeche. Mi venivano alla mente varie immagini a partire da San Francesco che si buttava nei rovi , passando per i martiri cristiani sbranati dai leoni e arrivando a Massimiliano Kolbe che si offriva al posto di un padre di famiglia ai nazzisti. Che confusione, si dira´.

Il Papa vuole attiare piu’ persone possibili verso la chiesa e il suo intento sembra quello di voler piacere tutti e questo gli riesce. Tanti fuori dalla chiesa, fuori dal mondo cattolico , parlano di lui, lo approvano. Ma la chiesa ha un dottrina, delle regole secolari , una identificazione netta di cosa e’ peccato. E il mio problema nel recepire questo nuovo dcumento e´ proprio il rapporto con il peccato. Il peccato e’ quella cosa che ci allontana da noi stessi, che ci porta lontano dalla perfezione divina che abbiamo in noi , che ci avvicina alle bestie. Infrangere i 10 comandamenti e’ peccato e tanti pensano che per questo la chiesa ci dannera’ ci mette all’inferno, tanti pensano che nel passato la chiesa abbia soppresso la gente con il timore di farli andare all’inferno. In realta’ i 10 comandamenti ci sono stati dati per farci felici. Il Creatore ci ha detto : se rispetti queste 10 regole sarai felice. Il Creatore e’ sempre la’ infatti ad accoglierci , a perdonarci, a rimettere le cose a posto ma il peccato comunque rimarra’ nei nostro cuore e per togliercelo , secondo la tradizione, ci sara’ il purgatorio.

Bergolio invece nel suo documento annacqua un po’ tutto. Relativizza certi peccati , perdona. Il perdono e’ una gran cosa, il perdono e’ divino ma appunto spetta a Lui. Il Papa invece si pone di fronte all’umanita’ intera e dice “ma si dai , hai diritto a rifarti una vita, quello che e’ stato e’ stato , scordiamoci u passato…”. Ma come allora? Uno si sposa, poi magari non funziona …. “vede Padre non avevamo mai fatto sesso prima del matrimonio, come potevo sapere che non era bravo…. invece l’elettricista…sapesse… adesso mi sposo con lui….” “sa padre mio padre mi pichiava e per uscire di casa mi sono dovuta sposare con il primo che capitava….”

Tutti casi capibili, che fanno dire : eh si tu ti devi rifare una vita. Mi chiedo allora qual´ e’ la vita che vogliamo e di cui abbiamo diritto? Abbiamo diritto ad essere felici , a farci una famiglia? Diritto a procreare? Mi chiedo : il Creatore e’ questo che voleva?

Non dovremmo tendere alla santita’? Non dovremmo anche noi buttarci nei rovi per sfuggire alle tentazioni della carne? Al darsi ai leoni nel nome del nostro Dio sfuggendo magari a chi ci offra una scappatoia? A consegnarsi ai nazisti , consapevoli che il nostro Dio sarebbe stato li? Sacrificare la nostra vita per l’amor del nostro Dio che ci dice ,che ci scrive nei nostri cuori  , senza bisogno di procolami , cosa sia giusto? Questo documento del Papa e’ un po’ come dire : si siamo umani, sbagliamo tutti , meglio volare basso. Siamo sicuri di non voler piu’ cercare le stelle?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

10 risposte a “Il Papa, il peccato e l’enciclica…

  1. Tanti giusti interrogativi, tante domande a mezz’aria, così, sospese tra Cielo e terra. Io non so rispondere se non a me stessa, credo in Dio, se vado in chiesa prego per Dio e poco m’interessano le omelie di turno. Cerco di non far troppo male agli altri, anche se spesso, non mi riesce…ma anche gli altri, non mi fanno sconti. Non seguo tutte le regole della chiesa cattolica e perciò, mi dichiaro una cristiana libera. C’è in atto una scristianizzazione di massa, che proseguirà con un’emorragia di fedeli. La causa principale è che l’uomo si sente un Dio e non trova più una ragione per cui valga la pena di pregare Qualcuno, di cui non sente il bisogno, L’altra ragione è che la Chiesa, con il suo pessimo comportamento e le sue regolette vecchie ed obsolete, non portano frutto…potrei continuare ancora per molto, ma mi fermo…forse il seguito, lo scriverò in un post…Buona serata, Giusy

    • Giusto quello che scrivi. I valori cattolici sono visti come vecchi e obsoleti ma tutto viene dal rifiuto di Dio. Si vive come se non esistesse ma tutti dentro sanno che non è così, sanno che prima o poi dovranno affrontarlo. Grazie di essere passata e aspettiamo il tuo post.

  2. Ciao Michele. Io faccio parte di quelle persone che si rendono conto di come le parole del Papa vengono travisate….e mi rendo conto anche che è facile interpretarle a proprio uso e consumo. La mia guida è la Parola letta ogni giorno, i comandamenti, inoltre cerco di far corrispondere il mio comportamento a tutto ciò. Invoco molto lo spirito Santo, fallo anche tu, e vedrai che tutto ti sembrerà più chiaro e meno confuso. Ciao, salutami Sara ed i bambini. L’ultima nata, Beatrice (mi pare) sta bene? Cresce? Ogni bene a tutta la famiglia.

    • Ciao Lucetta. Grazie del commento. Hai ragione, bisogna confidare solo nello Spieito Santo. Alla confusione generale poi si aggiunge il fatto che abbiano 2 Papi… È questo aggiunge appunto altro casino!

      Beatrice cresce bene, vedessi come è tonda! Gattona, sta in piedi , a 10 mesi non ha ancora nessun dente!

      Per il resto è molto vivace, come i fratelli e si integra bene con loro.

      Un saluto

  3. Arianna

    Sto leggendo il documento del papa. Non sono arrivata neppure a metà. Commenti ne sono stati fatti di ogni tipo, io preferisco leggerlo direttamente e farmi una mia idea.
    Quello di cui sono sicura è che, se anche ci sono delle aperture e novità rispetto al passato, se l’accoglienza e la misericordia sono il filo conduttore, questo non significa che le scelte più “radicali” ed in linea con quello che da sempre è il magistero della Chiesa siano superate. Noi che abbiamo fatto scelte definitive di fedeltà possiamo sicuramente sperimentarne e testimoniarne la bellezza. A noi nulla è tolto…
    Come il padrone della parabola decide di dare la stessa paga a chi ha lavorato l’intero giorno sotto il sole e a chi ha lavorato un’ora soltanto, così probabilmente può salvarsi sia chi con grande fatica e sofferenza ha cercato di essere sempre fedele, sia chi ha commesso errori durante il percorso. Chi sono io per giudicare questo?

    • Hai ragione. Non sto parlando di giudicare ma cosa pensa la gente che è fuori dalla chiesa. Le persone fuori non capiscono queste cose e possono prendere alla leggera le cose: sposarsi senza impegno, tradire senza colpa, ecc… Tutto ancquato, anche quando alcuni, sentendo che quello che hanno fatto è sbagliato, potrebbero essere salvati, potrebbero essere indotti a ripensamenti. Invece così… Non so dove andiamo a finire

  4. Buona sera Michele!
    Ieri abbiamo festeggiato il Compleanno della Chiesa!
    E’ nata in un Cenacolo chiuso, dove c’erano 12 uomini e, Maria Madre di Gesù.
    Lo Spirito Santo ha guidato la Sua Chiesa fino a Papa Francesco, aiutandola a rinnovarsi di generazione in generazione.
    Il compito della Chiesa è quello di far conoscere la Buona Novella. E’ quello, gravoso, di essere testimone con la vita del Vangelo di Gesù. Per questo occorre comunicare in modo adeguato, con parole e opere.
    Gesù sceglieva i peccatori, parlava con parabole, cercava il modo e il linguaggio più adatto ad ogni situazione. Ma Gesù è Gesù!
    Io, umilmente penso che Papa Benedetto XVI, non ha lasciato il Suo mandato per vecchiaia, ma per riconosciuta inadeguatezza. Nel senso che il Suo linguaggio, il Suo carattere, la Sua formazione, la Sua elevata sensibilità non poteva essere compresa da un’umanità in decadenza, che tende ad identificarsi più alla sua natura umana, che a quella spirituale. Con tanta umiltà ha riconosciuto i Suoi limiti e ha ammesso l’incapacità di comunicare in modo semplice, elementare…come richiede questa nostra generazione di figli di Dio.
    (Come Mosè aiutato da Aronne)
    Sì,a me piace pensare che abbiamo DUE PAPI che si compensano in modo adeguato, per farci comprendere il grande MESSAGGIO D’AMORE DI GESU’, morto e risorto per salvarci!
    DUE PAPI innamorati di questo MESSAGGIO D’AMORE!
    DUE PAPI che, per amore e per ardente fede, cercano di AMARE, (da umani), come GESU’ ama!
    Ecco l’Enciclica adatta agli uomini e donne di questo tempo, che non si discosta dall’Essenziale Evangelico, ma che cerca di comunicarlo in modo adeguato. Non per dovere, non per merito, non per attirare tanti proseliti…ma solamente per amore e per grande fede in Gesù!

    Grazie Michele, per questo Post che mi ha aiutato a riflettere.
    Un caro saluto a Sara e ai bimbi!
    NIves

    • Tutto bello quello che scrivi. Se solo non ci fossero due Papi…. È questo il punto che mi atterrisce, che non mi fa vedere chiaro. E quello che diceva Benedetto è quello che la chiesa ha sempre portato avanti . Vecchio? Vecchio trovo il volto dei sacerdoti quando dicono messa. Volti che non esprimono la gioia dell’incontro con il Salvatore. Volti che esprimono severità , lontani dall’amore, dalla misericordia. Ma la chiesa è fondata sul Vangelo è quello non invecchia mai!!!! Grazie di essere passata.

  5. Sì Michele, quanta gente non va più in chiesa a causa di sacerdoti severi, che sanno fare catechesi, ma che poi… testimoniano tanta lontananza dall’amore e dalla misericordia! Hai ragione nel temere per il futuro della Chiesa! Anch’io sono in apprensione…sopratutto per l’assenza di vocazioni!
    Mi consola solo la certezza che la salvezza dell’umanità non è nelle mani degli uomini ma del Creatore. Egli sogna Sodoma salvata e accompagna il Suo popolo fino alla fine dei tempi…
    Come un Padre che guarda più alla vita che alla coerenza nella vita, Egli accompagna la Sua creatura…con dolcezza sì, ma pure con esigenza!
    Per questo considero la presenza dei due Papi nella Chiesa di oggi, come una grazia, un pensiero di Dio, un “Passaggio obbligato” per il popolo smarrito nel deserto….che deve interrogarsi, deve saper scegliere, ha bisogno di purificarsi!
    Ammiro molto Papa Benedetto che, grazie alla sua intelligenza, conoscenza delle scritture e al suo grande cuore, ha saputo condurre la sua Chiesa sull’onda del Vento dello Spirito, e umilmente ha fatto una scelta sapienziale, ha scelto di non entrare in conflitto con Essa. Ha scelto di “destituirsi piuttosto di essere da Essa destituito”. L’ha salvata da una grande responsabilità e da un grande peccato!
    Ma perché tutto questo?
    Per amore…sì …per grande amore, verso la sua Chiesa “vecchia e malata”!
    Ora, lo Spirito Santo cura e conduce la Sua Chiesa grazie alla presenza di due Papi. Essi, insieme, guardano più al futuro che al presente. Insieme, accolgono, curano, salvano, seminano…
    Ecco l’anno della Misericordia che prepara il futuro della Chiesa, che avrà un cuore puro, un cuore nuovo, un cuore fedele, un cuore innamorato, giovane, vergine, gioioso…come il cuore di un bambino!
    E sarà una Chiesa degna della Terra Promessa!
    Preghiamo Michele! Preghiamo intensamente lo Spirito Santo…lo Spirito dell’Amore puro!
    Un caro abbraccio!
    Nives

  6. Marco

    Io rimango basito di fronte a un certo agostinianesimo (ma ammetto di non essere troppo ferrato in materia). Accidenti, se crediamo di essere creati da Dio, chi ce l’ha data “la carne” se non Dio? La solita questione di rifiutare un mezzo dall’enorme potenziale solo perché ci si possono fare anche (ma non solo, anzi non prevalentemente) cose turpi (tralasciamo per un attimo la relatività della definizione). Sarebbe come dire che mi taglio la lingua così sono sicuro di non offendere nessuno (effettivamente c’è un detto di Gesù molto simile ma credo che vada interpretato solo come un elogio al coraggio della coerenza )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...