La leggerezza del vivere.

libro_della_vita[1]

 

Siamo impegnati ogni giorno per sopravvivere in questo mondo. I valori intorno a noi sono il produrre, il fare soldi, il tenersi occupati, il sopravviere. Siamo dentro un meccanismo perverso e senza fine che sembra non fermarsi mai, un ingranaggio dietro l’altro gira senza sosta. A volte accelera e ci fa perdere la visione del perche’ del vivere. L’ingranaggio è qualcosa sempre li, di sicuro, a cui non possiamo fare a meno, a cui siamo abituati. Quello che dovrebbe farci avanzare nella vita per darci poi tempo per impiegare meglio il nostro tempo , inavvertitamente , piano piano, si pone lui stesso come punto centrale della vita stessa. Basta poco a incastrare il tutto. Basta un malanno di una persona cara o ancor di più della persona della vita e l’ingranaggio per fortuna si rompe, si ferma, cade, perde importanza. Ti mette per terra con la schiena al muro e ti fa pensare. Ti fa capire che il Paradiso non è qui , che qui tutto non è perfetto. Ti fa chiedere ancora una volta se stai sfruttando tutto quello che Dio ti ha dato, se stai facendo frutto o se quel dannato ingranaggio ha riempito ancora lo spazio che non deve. Ti fa capire che la vita non è una scaletta del pollaio (corta e piena di m…) come diceva Forrest Gump ma è una cosa leggera, dolce e fantastica e che ogni secondo lontano dalla persona del cuore, ogni avventura o sventura non condivise , sono momenti buttati, sono occasioni sprecate, sono un attimo di egoismo. Sono il non essere uniti alla persona che Lui ti ha affidato. Ti fa capire che non siamo qui per sempre, che non siamo eterni , che lo stringere la sua mano un giorno finira´, che tuffarsi nei suoi occhi dolci prima o poi non lo potrai piu´ fare, che accarezzare la sua pelle e´un momento che non sara´per sempre , che l´essere uniti poi finira´… almeno sulla terra, almeno in questo mondo. E ancora di piu´ dentro senti invece che il tutto andra´ oltre e che l´ amore e´ tremendamente piu´ forte della morte e del mondo stesso che ci circonda. E non rimane altro ancora che ringraziare, ringraziare Lui per averci dato il modo di sentire , di gustare di sperimentare questo amore infinito.

Gli occhi si riaprono. L’iride viene colpito dalla luce, la pupilla si stringe, riacquisti l’attenzione sulle cose giuste.

Ringraziare ancora di quell’alito di vita leggero leggero che ci ha dato dentro.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Pensieri

2 risposte a “La leggerezza del vivere.

  1. Solo dopo aver sperimentato la perdita di padre, madre, una sorella di 58 anni ho iniziato sempre più intensamente a pensare ed a credere che la vita su questa terra non è un paradiso….sono più i dolori che le gioie. Anche quando in me c’è gioia è sempre una gioia breve perché intorno a me ci sono dolori non miei che mi fanno star male ugualmente. Andando avanti con l’età, ho imparato ad accettare la realtà della vita terrena ed a coltivare sempre più la speranza in quella eterna. La fede nelle promesse del Signore mi ha regalato serenità interiore ed ha reso meno intensa la paura di rimanere sola un giorno oppure di lasciare mio marito solo. Lui si occuperà di noi nel modo che riterrà più opportuno.

    • Già… concordo su tutta la linea. Quando però qualcosa capita non è facile stare calmi e abbandonarsi completamente a Lui. So che Lui fa tutto per il nostro bene, purtroppo la ragione umana a volte è nefasta e fuorvia dalla retta via dando stupide preoccupazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...