i cani non si devono annoiare- autore sara

Prendere un cane o andare a lavorare, questo è il dilemma in Germania.

Noi abbiamo purtroppo, devo qui aggiungere, un cane e ce lo siamo portato in Germania senza sapere a cosa si andava incontro.

Fatto sta che dopo pochi mesi da quando eravamo qui, sono venuti i vigili perchè chiamati da un qualche vicino disturbato dal fatto che, a suo dire, il nostro cane abbaiava, soprattutto di sera. Il che non corrisponde proprio al vero visto che qui attorno di cani ce ne sono tanti e tutti abbaiano, siamo su una pista ciclabile su un fiume e il passeggio quadrupede è enorme.

Comunque il vigile mi ha chiesto se io lavoro, perchè avendo un cane, mi devo dedicare a lui e non farlo sentire solo. Non si deve annoiare e deve essere portato a spasso per almeno tre ore al giorno, pur avendo noi un grosso giardino. Quando poi ha sentito che noi abbiamo molti figli , mi ha detto che così io trascuro il cane….

Quando poi il nostro cane è fuggito dal giardino, le mie ricerche avvenute subito dopo, hanno avuto esito negativo. Qui in Germania i cani vengono subito avvistati e portati al canile. e questo è bene, se non fosse che al canile ti fanno una filippica di un’ora dicendo che il cane scappa perchè si annoia….. L’altro giorno sentivo per radio che anche i bambini devono annoiarsi. evidentemente solo i bambini, i cani no, essendo una razza superiore, qui in Germania. Mi hanno anche minacciata di tenersi il cane se lui fosse fuggito un’altra volta, sottolineando che se il mio cane scappa è perchè non mi curo di lui. Mi è stato poi consigliato, alias sono stata obbligata, a farlo frequentare una scuola canina. Là, quando la “maestra” ha saputo che il mio cane non era castrato, ci ha rispedito a casa. In germania sembra che quasi tutti i cani siano castrati…. Ha ragione Putin a dire che il nostro occidente è assessuato: le bestie le castriamo e noi cristiani ci sterilizziamo per non fare figli.

Ieri, per concludere, è arrivata un’impiegata comunale, la quale avvertita da un nostro vicino, è venuta a vedere in quale condizione disagiata teniamo il cane. Il cane in effetti è a catena da qualche mese, cioè da quando la stessa che ci ha denunciato, ha tagliato le piante della siepe e così il nostro cane potrebbe di nuovo fuggire, in quanto non castrato e annoiato. In effetti la vigilessa si è resa conto che il cane sta bene, mi vuole bene, è in ottimo stato. però mi ha detto che i cani non devono dormire in garage perchè è buio… forse dovrei installare una luce di cortesia così può trovare l’interruttore e non fare incubi…. Poi ha visto il nostro garage e si è resa conto che è dotato di finestra e quindi la disperazione che provava davanti ad una povera bestia costretta a dormire in garage e non nel mio letto matrimoniale è diminuita…. Mi ha ancora vivamente consigliato di castrare il cane perchè a catena non si può ma castrare non è un delitto. In Germania hanno deciso quello che è bene e quello che non lo è e non si discute. La catena è male, anche se poi il cane lo puoi liberare e andarci a spasso ma gli attributi glieli devi tagliare, anche se questa operazione è irreversibile per la povera bestiola privata della sua dignità.

Ho letto di recente che Hitler è stato il primo a emanare una legge contro la vivisezione, amando i propri cani più degli uomini, su alcuni dei quali la ha praticata, e non solo quella.

Non commento ulteriormente, sono solo nauseata dall’attenzione maniacale e dal dispendio di energie che impiegano per un cane che fa quello che qualsiasi cane fa: abbaia e fa il cane. Io gli voglio tanto bene e lui è sempre con noi anche i n vacanza, ma rimane per me un animale e non un sesto figlio. Però va bene che i bambini alle elementari si rotolino nel fango durante le pause e tornino a casa più sporchi di un cinghiale. Posso stare anche senza giacca in inverno tanto nessuno dice loro nulla mentre il mio cane potrebbe avere freddo se sta in giardino……….

Annunci

8 commenti

Archiviato in Germania

8 risposte a “i cani non si devono annoiare- autore sara

  1. Anche questa è espressione della dittatura ideologica della così detta “legge”, ciao e un abbraccio a voi lontani.

  2. Marco

    Rigidini, eh? Comunque questo cane a sentire alcuni dei personaggi che hai incontrato (che mi auguro non impersonino la cultura di un popolo intero) dovrebbe essere trattato come la favorita di Francia. Meglio: che sia bello, che sorrida (come fa un cane a sorridere?) e che però rimanga lì senza intralciare e in definitiva senza esprimersi. Anche questa è cultura “del Mulino Bianco”, pubblicitaria, luccicante all’esterno, arida e falsa dentro. Attenzione perché la cosa è ormai applicata ed applicabile anche agli uomini
    (E guai che uno si sogni di avere un bisogno diverso da quello che qualcun altro ha deciso che deve avere: stia bello tranquillo col giardinetto nel sobborgo, l’utilitaria, la scuola omologata, il lavoro sempre uguale, i pantaloni stirati, la casa IKEA, persino i figli fatti collo stampino…e il cane castrato che non abbaia e sta fermo. Ah, è morto? E’ morto anche il padrone? Erano tanto bravi, non ce ne siamo accorti!)

  3. Enrico
    ——————————————
    http://pulgarias.wordpress.com

  4. A me la Germania non è mai piaciuta e, con buona pace di tutti, non mi piacerà mai. Ho studiato una sfilarata di lingue, ma il tedesco no, proprio non ce la faccio.

    Non mi piacciono, non mi piacciono, non mi piacciono, e tu mi stai dicendo che non mi sbaglio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...