Nessun incontro è casuale – autore Sara

Ieri qui a Coblenza c’è stato un pomeriggio “italiano” al Ludwig Museum. Nell’ambito della mostra sul regista Fellini, è stata organizzata una giornata con guida italiana e panettone e pandoro. Per l’occasione è arrivata anche una delegazione da Novara, città gemellata a Coblenza. I cittadini italiani erano vestiti con antichi abiti settecenteschi perchè qui la stagione del carnevale si è aperta l’11 novembre e durerà fino a febbraio. Alla faccia di chi pensa alla Germania come ad una terra grigia e triste solo dedita al lavoro (come pensavo io)!

Mentre i miei figli si divertitvano a vedere lo spettacolo del clown e molti adulti si godevano i film di  Fellini proiettati in lingua tedesca, io ho vissuto un pomeriggio particolare. E’ successo così. Mia mamma si è avvicinata a una signora per chiedere un’informazione. Da lì un breve scambio di battute e considerazioni su un Fellini in parte dimenticato o sottovalutato. Poi, come succede in quei frangenti, una pausa, ci si allontana muovendosi nelle stanze del museo. E poi quella signora che si riavvicina a mia mamma. Questa volta sono presente anche io. E inizia un dialogo come fra persone che si conoscono da sempre. Inizia con la spiegazione del numero dei miei figli. Sono cinque ma la gente ne vede solo quattro. Le solite considerazioni sul numero considerevole e sul coraggio nel fare figli in questo mondo. La mia spiegazione semplice e lineare della morte della mia quarta figlia attrae le confidenze altrui, perchè in effetti siamo tutti bisognosi di raccontarci e di relazionarci apertamente con gli altri. E così dovrebbe essere. La mia esperienza apre la strada alla signora che inizia a parlare del proprio coma, del tunnel di luce che ha tuttora presente e vivo nei propri ricordi. Delle ali di un angelo che le hanno impedito di arrampicarsi su una collina fiorita che aveva davanti. L’albero della vita sulla cima della collina, la tristezza nel risvegliarsi in ospedale…Poi continua e mi racconta di una amica che, anche lei finita in coma a seguito di un incidente stradale, è andata in spirito al funerale della mamma, morta nel medesimo incidente. Questa amica, uscita dal coma dopo sei mesi, ha scioccato una parente nel raccontare tutti i dettagli del funerale e anche il vestito della madre. Un fiume di parole usciva dalla mia interlocutrice, tante testimonianze del fatto che siamo esseri di luce, così si  è espressa. A fronte della certezza che Dio esiste e che lei ha visto un pezzetto di quello che c’è dopo, l’incapacità, però, nel non riuscire a comprendere il perchè del dolore innocente. Quel dolore  che noi nella nostra famiglia abbiamo vissuto con la morte di Virginia.

E’ stato un incontro che ha fatto bene ad entrambe. Ognuno si muoveva in quel museo con le proprie domande irrisolte e alla ricerca di qualcosa di più di una mostra. Nessun incontro è casuale e le persone si attirano perchè il caso non esiste e quando noi ci mettiamo in cammino e ci poniamo delle domande, la vita, prima o poi, ci risponde. Io le ho spiegato quello che ho imparato da mia figlia e lei mi ha raccontato, spontaneamente, quello che mia figlia ha già vissuto e che dovremo tutti a tempo debito vivere. Arrivano sul nostro percorso persone in grado di rispondere, magari in modo non assoluto e completo, ai nostri quesiti, alle nostre angosce. L’importante sarebbe iniziare ad aprirsi agli altri, a non tenersi tutto per sè. A fare testimonainza, sempre e in ogni circostanza perchè non siamo “monadi danzanti”, ma esseri in relazione e che si devono relazionare per cercare la Verità, a cui tutti tendiamo. Ho conosciuto un sacco di persone che non parlano perchè temono di essere presi per pazzi. Persone che hanno vissuto esperienze meravigliose e che dimostrano che c’è qualcosa di bello , e anzi, il bello verrà dopo, non ne vogliono parlare perchè non ne hanno il coraggio. Che peccato, e pensare che il mondo ha fame di testimonianze, ha fame di sentire qualcosa di buono, ha fame di speranza.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Fede, Pensieri

5 risposte a “Nessun incontro è casuale – autore Sara

  1. A mia madre è successa una cosa del genere, dopo il terzo parto stava morendo, e ha sognato se stessa che scendeva (sì, mi pare di ricordare che abbia detto che scendeva, non che saliva) dei gradini, ma prima di scendere l’ultimo si è voltata indietro e ha espresso il desiderio di tornare tra i suoi figli.

    E si è risvegliata.

    • Sai, un famoso neurochirurgo americano Eben Alexander nel suo libro “Milioni di farfalle” spiega in maniera scientifico e medica che questa esperienza dimostra che esiste qualcos’altro oltre a questa nostra vita materiale. E’ un libro meraviglioso che ha molto da dire ai quei dottori che sostengono che il tunnel di luce sia un’esperienza che la gente fa quando il cervello è sul punto di morire perchè rilascia certe sostanze di cui non ricordo il nome…. C’è anche un anestesista di Padova, dott. facco, che ha scritto un libro dove raccoglie le testimonianze dei suoi pazienti e di altra gente in tutto il mondo che hanno avuto esperienze simili.

      • Io ho sempre desiderato tanto aver conosciuto mio nonno, morto ad Auschwitz. e questo desiderio di conoscerlo, nel corso della mia vita, si era fatto via via più struggente.

        Una volta ero in macchina con il mio compagno, in un luogo sconosciuto. Mi ero distratta e avevo preso a ripensare a questo nonno, mai conosciuto e ciononostante tanto amato. Tutto a un tratto tutto si fa buio, scompaiono le strade, le case, tutto… l’atmosfera è inquietante, il mio compagno è teso nella guida, aspettando di sbucare finalmente da qualche parte.

        A un certo punto compare nel cielo l’immagine di mio nonno che mi chiede: “Davvero vuoi vedermi?” (o raggiungermi, non ricordo le parole esatte): io, spaventatissima, urlo un “Nooooooo!”, e all’improvviso la strada si rillumina, e tornano ad apparire case e strade.

        Secondo il mio compagno, semplicemente avevamo imboccato una solitaria strada di campagna…

  2. Marco

    Da persona vicina al razionalismo (ma non del tutto) potrei obiettare che l’esperienza descritta potrebbe essere affine al sogno, dunque influenzata dalle credenze e dal mondo interiore di chi le fa. Per questo mi piacerebbe sapere se esistono persone con esperienze simili che però non avevano un’educazione cristiana, cattolica o ebraica. Anche nel caso riportato una forte religiosità cristiana potrebbe spiegare perché ha detto di aver visto non un generico panorama oltremondano ma precisamente delle rappresentazioni tradizionali di un angelo e del paradiso terrestre. Sono troppo disincantato?

    • sì, penso proprio che tu sia troppo disincantato e abituato solo a ragionare con gli strumenti di cui disponi. il dottore di padova che ho indicato ha raccolto testimonianze provenienti da tutto il mondo e quindi di persone appartenenti a religioni diverse. E ha raccolto i dettagli che si ripetono quasi simili in tutti quelli che hanno avuto dette sperienze di pre morte. Esperienze anche di persone il cui cervello era così leso e senza attività per cui non si può parlare di sogno. Ti consiglio di sentire la conferenza tenuta da un prete spagnolo, don Pablo (di cui è stato fatto un fil ” l’ultima cima”) il quale spiega come proprio tramite la ragione si arriva alla fede e ad aprirsi al Mistero. Se inizi a porti in cammino e a farti domande, rimarrai sorpreso e forse potresti arrivare alla conclusione che la nostra mente limitata non può pretendere di spiegare tutto, anche ciò che le è di molto superiore e infinitamente grande. Penso che l’uomo stia perdendo la capacità e la voglia di stupirsi e così intristisce.Inoltre non pensare che una rappresentazione tradizionale in quanto tale sia falsa e artefatta. Almeno io la penso così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...