la Sua mano mi guiderà 2

La barzelletta continua dicendo che al primo incontro di catechismo organizzato qui a Koblenz da me e mio marito si sono presentati in chiesa solo bambini evangelici e un musulmano. Erano pochi ma tutti alla fine sono stati entusiasti e hanno detto che chiameranno altri amici. La prima considerazione è che ho capito che i bambini sono lasciati nella totale ignoranza sulle “cose religiose”. Ma sono estremamente curiosi e fanno mille domande, una volta stimolati.

Mi è capitato in questi giorni di parlare con alcuni genitori cattolici i quali mi hanno detto che i loro figli non sono venuti in quanto non interessati all’argomento… Certo in una società in cui i genitori si lasciano guidare dai figli… “tesoruccio, che ne dici di andare a scuola? pensi che il catechismo possa essere interessante? hai voglia di andarci? cosa ti preparo da mangiare? Mi fai il favore di lavarti i denti?

In una società in cui sono i genitori ad obbedire ai figli è chiaro che i risultati poi siano rovesciati e la saggezza dei vecchi sia cestinata. E rimanendo ignoranti in tutti campi, facciamo il gioco di chi in questa ignoranza ci sguazza e ci guadagna. E’ di ieri la meravigliosa notizia che in Croazia ha vinto il referendum che ha introdotto nella costituzione la definizione di famiglia come nucleo basata sull’unione di un uomo e una donna. Ciò è nato, per chi non lo sapesse, dalla reazione al tentativo di introdurre nelle scuole l’educazione sessuale pedo-porno grafica basata sulla teoria del gender e di una pratica sessuale promiscua fin dalla tenera età. Sull’argomento vi rimando agli articoli scritti sul giornale on line “La nuova bussola quitidiana”. Molti genitori sono insorti e ne è nato un referendum popolare. L’ovvietà ormai non è più così scontata e banale. In una società marcia e sconvolta dal caos ideologico, bisogna ricominciare dall’abc. E’ come se per parlarvi della torta al cioccolato, dovessi ricominciare a spiegare che cosa sono lo zucchero e la farina. Va bene, rimbocchiamoci le mani e torniamo a spiegare che Dio ci ha fatto uomo e donna e solo dall’unione di due sessi nasce nuova vita. Ricominciamo a spiegare che matrimonio viene da Mater e che è un istituto che serve a tutelare non due adulti che convivono sotto lo stesso tetto. Per questa banalità basterebbe un semplice contratto, un pezzo di carta dove scriviamo i reciproci diritti e doveri. Il matrimonio è un istituto giuridico fatto per tutelare i figli che nasceranno da quell’unione. Quelle povere creature che sono i grandi assenti in qualsiasi dibattito su matrimoni omosessuali e adozioni. Nessuno ha mai chiesto la loro opinione, perchè a nessuno interessa il bene dei figli. Ricominciamo da capo, ricominciamo dal buon senso ma facciamolo, uscendo allo scoperto. Come hanno fatto i Croati, proponendo, lottando e credendo nei valori buoni e che sono alla base di una buona società. Ricominciamo dicendo che esiste il bianco e il nero e non solo le sfumature in mezzo. Ricominciamo dicendo che ci vogliono delle certezze e che dire che tutto è relativo non suona poi così intelligente sulla bocca di chi lo dice. Ricominciamo dicendo che esiste una sola verità, tutto il resto è spazzatura che ci spacciano come oppio delle coscienze. E oggi, l’oppio dei popoli, non è più la religione, ma qualcosa di molto peggio. E’ l’ignoranza, e’ il materialismo, è l’ateismo del tutto qui e in questa vita, è la cultura del provvisorio che non dà alcuna serenità e alcuna vera emozione alla nostra vita. Noi ci proviamo ricominciando dai bambini, ricominciando dalle generazioni che sono state rovinate dai genitori nati e cresciuti sotto la cultura sessantottina che ha devastato la famiglia. Per non dire di aver visto e non aver voluto intervenire, per non dire di averlo capito ma di non averne avuto la voglia di provarci. Perchè un genitore oggi non può limitarsi a dare da mangiare ad un figlio senza pensare a che mondo lo attende, ma deve fare del suo meglio per migliorarlo. Per lasciare questo mondo migliore di come lo ha trovato. Facciamo come la mia amica musulmana che mi ha detto che manderà sua figlia al catechismo cattolico perchè i figli devono conoscere e interessarsi di religione. Perchè solo così possono porsi le domande giuste e poi, ne l corso della loro vita, cercare di rispondervi.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

4 risposte a “la Sua mano mi guiderà 2

  1. Marco

    Mi spiace: non concordo. I gay esistono nella storia fin dai tempi più antichi, per non parlare dei (rari) casi di sesso intermedio o indifferenziato che non sono nemmeno minoranze sul piano psicologico ma anomalie (in senso neutro) dal punto di vista fisico. Se tutto ciò accade, significa che l’assolutizzazione di uomo (etero) e donna (etero) come uniche identità alternative sta nella nostra cultura e non in natura. La natura, sulla base della semplice osservazione, si rivela più varia, dotata di confini più graduali e sfumati e questo mi fa pensare che nessun Creatore, sempre che lo si voglia intendere come un essere personale, avrebbe fatto vivere l’uomo in un contesto così pretendendo poi che esso prendesse le distanze da una parte (minoritaria) del creato.
    Una certa caricatura di omosessuale dedito alla moda, iperattivo, volubile, acido, ecc. è indubbiamente una figura nata nel capitalismo, una sorta di consumatore ideale e intransigente nonché costantemente bisognoso ed edonista. Ma è una caricatura ed è pure molto recente: secoli prima esistevano persone che avevano in comune con questa macchietta solo il preferire altri uomini (che non va inteso come un gusto da scegliere ma come un’inclinazione difficilmente cambiabile, parte di sé probabilmente). E’ appurato che questo comportamento e il transessualismo toccano ogni periodo storico e soprattutto ogni cultura, sembra persino i primati. Vorrà pur dire qualcosa!
    Anche la questione di “chiarezza e una sola verità” è sicuramente una professione di coerenza ma è idealistica, oltre che rischiare di trasformarsi in una forzatura verso tutti quelli che hanno già una sola verità, ma non coincidente con quella annunciata.

    Sulla famiglia solida invece sottoscrivo, semmai facendo notare che potrebbe non essere per forza quella tradizionale ma che per ora l’unico modello compiuto (e unico seguito fino all’altro ieri) è proprio la famiglia eteronormativa mentre le altre per ora sono tentativi recentissimi, magari anche in buona fede ma tentativi (e a tentare bisogna stare attenti)

    Ciao

    • io non ho detto che i gay non esistevano in passato. ho detto che di sicuro Dio ci ha creati maschi e femmine, senza scendere forse sui gusti sessuali e sulle inclinazioni. La teoria del gender invece sostiene che non esistono i due sessi, ma che ogni giorno possiamo cambiare gusti. Sostiene qualcosa che fa a pugni con la natura delle cose. Io non ho nulla contro i gay, so che sono sempre esistiti, ho studiato l’amore lesbico nella grecia antica e così via. La differenza è che i saggi del passato non pretendevano, pur contemplando queste realtà, di forzare la natura per capovolgere tutto. In natura gli omosessuali non possono avere figli e c’è da chiedersi il motivo? forse perchè i cuccioli hanno bisogno della diversità di due esempi per crescere, delle differenze che caratterizzano il maschio e la femmina. La teoria del gender dice invece che siamo uguali, allora dovremo seriamente pensare a cambaire anche le gare sportive facendo gareggiare insieme uomini e donne. Già l’idea fa sorridere, come minimo. Uomini e donne sono diversi, meravigliosamente diversi. Ripeto io non ho nulla contro i gay. Ribadisco che sono contraria al matrimonio per i motivi già detti e all’adozione. Ritengo che gli uomini debbano imparare a fare scelte e accettarne le conseguenze. Se voglio vivere un amore omosessuale devo rinunciare a qualcosa, ad avere figli. I figli necessitano di un padre e di una madre, fisiologicamente parlando. In quanto alla esistenza di una sola verità, io ritengo che sia una forzatura negare che essa esista. Affermare che ognuno ha una propria verità è come dire che non esiste alcuna certezza e che ogni uomo dirige la propria vita come crede. ma se guardi bene l’uomo non è in grado di sapere neppure se sarà ancora vivo tra pochi minuti. Io non impongo niente e non forzo nessuno e se guardi bene oggi non è più la chiesa o i fedeli che fanno crociate e persecuzioni ma coloro che s iprofessano laici o addirittura atei. Imporre ad un bambino una coppia omosessuali è una forzatura, usando le tue parole, contro natura, contro il buon senso, contro la verità. Quanto alla famiglia tradizionale e non, io sarei dell’avviso che invece di cercare di inventare sempre qualcosa di nuovo e fare tentativi che già sulla carta suonano sbagliati, bisognerebbe aiutare la famiglia tradizionale, supportarla e reinsegnare alle coppie il valore della fedeltà e l’ebrezza che un legame duraturo , saldo e ed eterno può dare. Questo per il bene della società e dei figli. Grazie per il tuo intervento e ora ti auguro buona notte perchè sono stanchissima. spero di sentirti presto perchè nel dialogo si cresce sempre.. .

  2. Marco

    Sinceramente neanche io so bene come schierarmi sulle adozioni ai gay. Sono invece favorevole alle convivenze gay e ad una loro ufficializzazione…sempre che qualcuno di loro lo voglia in un mondo così precario per tutti

    • anche io sono per la libertà. Non mi interessa cosa fanno le persone che convivono a casa loro. Le abitudini sessuali all’interno delle mura domestiche sono questioni private che non mi interessano e non interessano neppure l’ordinamento. se ci pensi, lo stato non sindaca sui sentimenti delle persone. io posso sposarmi o convivere per i più svariati motivi. fra due adulti, anche due amiche che vogliano convivere anche solo per dividere le spese, basta un contratto. Quello che fanno fra loro, è un loro problema. ma il matrimonio tutela la prole. Quanto alla precarietà, dobbiamo lottare contro la cultura del provvisorio e far capire che l’uomo è tale quando fa delle scelte e poi le porta avanti anche quando ciò costa fatica.. ancora un saluto e buona giornata.Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...