segni, miracoli e quant’altro- autore Sara

Ieri è apparsa la notizia in molti giornali secondo la quale a Medugorje si sarebbe illuminata una statua della Madonna. la notizia ha avuto eco internazionale ed è rimbalzata da un giornale all’altro. La mia cara Radio Maria non ne ha parlato. I quotidiani laici e le trasmissioni televisive si. Mi aggiravo stamattina per casa, facendo tre o quattro cose contemporaneamente e meditando. Poi mentre sbucciavo le mele per fare la composta di mele che tanto piace ai miei bambini ho avuto un flash. Mi è tornata alla mente la mia bambina ammalata. Le notti passate vicino a lei in preghiera. Cosa farfugliavano le mie labbra quando dormivo accanto a lei in ospedale? chiedevo a Dio di salvarla, di prendersi me, di farmi un miracolo. Barattavo e contrattavo con Lui. Gli dicevo che se mi avesse concesso questa guarigione sarei andata casa per casa a bussare e a convertire tutte le persone. Avrei convertito tutto il mondo… perchè noi uomini crediamo solo di fronte ad un miracolo. Una bambina così malata se fosse guarita avrebbe convinto tutti, anche i più atei e increduli, che Dio esiste. Chiedevo un segno, un segno di cui parlare. Lo chiedevano anche le persone ammalate a Gesù e Lui faceva miracoli per convincere gli uomini che Lui era il Figlio di Dio. ma tanti non lo hanno comunque creduto e lo hanno addirittura ucciso.
Virgi è morta ma è nata la mia fede. Una fede vera, salda, incrollabile. Virgi è morta, morta e io credo ancora in Dio…
Che c entra questo ricordo con la notizia di ieri? forse niente, forse tutto. Noi uomini, più siamo lontani da Dio e più cerchiamo un segno, una traccia della sua esistenza. Cerchiamo il soprannaturale, un miracolo. Questo sì, ci convertirebbe, scioglierebbe i nostri cuori di ghiaccio e ci aprirebbe a Dio. Radio Maria non ha parlato di questo avvenimento perchè a chi crede non servono queste cose, vere o false che siano. I media invece danno risalto a queste notizie, perchè forse la curiosità laica altro non è che espressione di un recondito anelito insito in ogni uomo, la necessità di credere. Dio ha messo in noi tutti questa tensione verso l’infinito, il trascendente, o per dirla con un ‘altra parola, verso la Verità.
Perchè la Chiesa spesso tace e non si pronuncia su questi eventi inspiegabili con le leggi fisiche e la razionalità? Chi crede sa che queste cose possono succedere. Chi crede sa che la ragione non può spiegare tutto e che avvengono ogni giorno cose che non seguono le leggi delal fisica. Guarigioni inspiegabili, eventi soprannaturali, apparizioni, ecc. Dio continua a darci qualche segno della sua presenza che ci sbalordisca, che ci richiami a soffermarci su qualcosa di più importante che fare soldi e spenderli.
Una statua che si illumina forse può servire a intraprendere un percorso di fede a chi si sta incamminando a fatica per quel sentiero o a chi vorrebbe intraprenderlo ma avverte mille remore e dubbi.
Ma se hai Dio nel cuore e lo senti sempre con te, non hai bisogno di segni nè li vai a cercare. Gesù ha detto: ” beati quelli che pur non avendo visto crederanno”. Non mi ha concesso il miracolo perchè voleva mettere alla prova la mia fedeltà, per vedere se sarei stata in grado di vederlo comunque presente in quella stanza d’ospedale, seduto sul letto con me e Virginia, mentre si prendeva cura di entrambe e ci aiutava e ci cullava nelle sue braccia. E io Lo ho sentito, Lo ho sentito mettere una mano sul mio cuore per calmarlo, sulla mia fronte per mandare via ogni preoccupazione, Lo ho sentito asciugarmi le lacrime con tanta pazienza perchè le mie lacrime non smettevano di scendere.
E da allora non cerco più segni soprannaturali, non contratto più con lui. Avverto la Sua presenza nella mia vita e nella mia casa in ogni coincidenza, in ogni cosa che si sistema da sola, in ogni telefonata che arriva al momento giusto, in ogni persona che suona la porta proprio quando la stavo aspettando. Ho già spiegato in un altro articolo perchè vado a Medugorje, non certo per vedere i segni o la Madonna apparire. A me Lei non ha dato organi così potenti e sensibili da poterla vedere in questo mondo. Peccato, mi piacerebbe tanto poterla vedere perchè dicono che sia bellissima. Ha dato, in questa vita, solo una grande curiosità e voglia di vederla quando sarà il mio momento. E io aspetto paziente e fiduciosa, come era Virginia: paziente e fiduciosa

Annunci

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “segni, miracoli e quant’altro- autore Sara

  1. carla

    Meraviglioso insegnamento !!!!!!!!! in una società basata sull’apparenza, sul sembrare e non sull’essenza. Una società che ha dimenticato emotività e sentimento
    Carla (laica)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...