Vertrauen – Fiducia

Oggi 2 Giugno qui in Germania in Chiesa è stato letto il brano del Vangelo del soldato romano che chiede a Gesù di guarire il suo servo e Lui lo fa percheè il soldato romano si fida ciecamente delle parole di Lui.

Dopo la Messa siamo tornati a casa e come sempre immersi nel felice casino quotidiano con i nostri 4 figli terreni. Ho riempito di baci Annamaria dopo che Sara l’aveva cambiata. L’ho presa fra le mani, il suo testone me le riempe perfettamente. E’ stupenda, buona e dolce e mi è venuto un pensiero da condividere: guarda cosa mi ha dato fra le mani il Signore! mi ha dato una delle Sue figlie , si è fidato ciecamente di me e di Sara, senza se e senza ma. Saremo degni di tanto amore, di tanta generosita? Sapremmo far cadere anche questo seme nella terra e non tra i sassi e le spine perchè possa produrre frutto? Poisiamo andati a trovare Virginia al Friedhof (luogo di pace che suona molto meglio ai miei orecchi di cimitero) e scendendo i pochi gradini un’altra catena di pensieri mi ha attraversato. Siamo qui in terra straniera, abbiamo spostato qui l’intera famiglia, mia moglie si è fidata di me e ha supportato questo mio progetto di trasferirci all’estero per fare un’esperienza che allargasse i nostri confini mentali. E qui una figlia e’ diventata un Angelo e il suo corpo riposa sulla splendida collina profumata di alberi e fiori di C0blenza…. e ce la stiamo facendo tutta da soli. Poi ho ripensato… da soli? In realtà non siamo mai stati soli, forse le persone care oggi sono distanti da noi fisicamente, ma con noi abbiamo sempre avuto il miglior aiuto: Dio. E lui si fida di noi. E noi ci fidiamo di Lui. E come tante altre cose, anche la fiducia nel Padre che è nei cieli l’ho imparata guardando i miei figli. Loro si fidano dei loro genitori, ciecamente, senza obiezioni. Dai nostri figli dobbiamo imparare, i piccoli insegnano sempre agli adulti. Mia moglie nel suo libro ha scritto questo, relativamente a quello che Virginia ci ha insegnato durante la sua malattia:

Virginia mi ha insegnato cosa è l’amore e la fiducia cieca. Noi non sappiamo che cosa significa. Virginia stava morendo, soffriva tanto, perdeva ogni giorno qualcosa di sé e non aveva più energie eppure si sforzava in tutti i modi di raccogliere quelle che aveva e sorridere al suo papà. E per quanto le costasse non lo dava a vedere. Lo aspettava con quella pazienza che solo i bambini sanno avere.Voleva solo regalare un sorriso al suo papà, voleva le sue carezze e di lui si fidava. E io li guardavo, guardavo questo amore enorme e quanto doveva costare a lei esprimerlo e ho capito una cosa.Virginia mi ha insegnato che noi adulti diventiamo tiepidi con il tempo. Fatichiamo ad amare le persone con cui sediamo alla stessa tavola, cercando di sacrificarci il meno possibile per non diminuire la nostra libertà. Proviamo sentimenti annacquati verso tutti e soprattutto proviamo sentimenti annacquati verso il nostro vero Padre, il Padre che è nei cieli. Siamo freddi e non ci fidiamo più di Lui, contiamo sulle nostre misere forze pensando di farcela, diventiamo ingrati, dimenticando come eravamo da piccoli. Dimenticando di ringraziare Colui che ci ha dato questa vita a cui ci aggrappiamo con tutte le nostre forze e che ci è così cara. Dio ci ha mandato Virginia per ricordarci come un figlio deve amare il proprio padre, e non solo quello terreno ma soprattutto quello Celeste. Amarlo sempre sia nella gioia sia nei momenti difficili anche se costa tanto impegno e tanto sforzo. Sempre. Regalare un sorriso ed esserGli grati per la vita che ci ha donato, anche quando è breve e dolorosa come quella di Virginia. Lei ci guardava e sorrideva, sorrideva alla vita dei suoi fratelli, sorrideva perchè faceva parte di un progetto più grande di Lei, faceva parte del dono della vita, prezioso anche quando è così breve. E mi ha ricordato che dobbiamo fidarci del Padre Nostro sempre, come Lei si è fidata di quello che stava succedendo. Dobbiamo imparare dai bambini ad accettare tutto, anche le malattie e la morte. Accettare anche quando non capiamo. Perchè esiste un progetto e noi ne facciamo parte. Accettare tutto quello che Dio manda con lo stesso candore dei miei figli, imparando a FIDARCI DI LUI”.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Germania, Virginia

2 risposte a “Vertrauen – Fiducia

  1. Ciao Michele, quanto Amore e Fede hai dentro di Te
    Mi sono sentita piccina piccina davanti queste parole
    Grazie davvero
    Passa una lieta sera
    Senty

    • Grazie del commento. Beh ci e’ capitata davero grossa. In questi casi ci sono due strade : o ci si arrabbia contro tutti e tutto o si abbraccia la fede. A noi la fede ci ha investito. Sono stati mille episodi che ci sono capitati prima e dopo che nostra figlia diventasse un Angelo e che continuano.In particolare a me la Fede ha invesito la mia seconda volta a Medjugorie. Poi la cosa aumenta di giorno in giorno e siamo alla finestra per caprie cosa vuole il Padre da noi. Capisco che tutto possa risultare difficle da capire, abbiamo scritto un libro. L’ho iniziato io giorno per giorno all’ospedale, poi lo ha limato mia moglie e arricchito. Quando sara’ tempo lo vorremmo postare magari una volta a settimana qui. Scopo? Far pensare alla gente. Far in modo che qualcuno si chieda : ma perche sono al mondo? che ci faccio qui? perche vivo e mi impegno ogni giorno?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...